Home » Lynk & Co Zero, la prima elettrica potrebbe debuttare alla Milano Design Week
Lynk & Co Zero

Lynk & Co Zero, la prima elettrica potrebbe debuttare alla Milano Design Week

Sono comparse online le prime foto spia della Lynk & Co Zero, nome non certo della prima elettrica che potrebbe debuttare a Milano

Sono comparse online le prime foto spia della Lynk & Co Zero, nome non definitivo della prima elettrica del marchio cinese-svedese che sarà svelata ad aprile all’European Design Center di Göteborg. Altre indiscrezioni potrebbero far pensare che la vettura potrebbe debuttare alla Milano Design Week, che si terrà a metà aprile.

Dalle foto, sembra una berlina piuttosto generosa nelle dimensioni, e non una compatta come aveva anticipato l’ex CEO Alain Visser e che in effetti sarebbe più adatta al mercato europeo. Può darsi anche che questo primo modello elettrico non sia destinato all’Europa. Il nome, comunque, riprende la Lynk & Co Zero Concept presentata al Salone dell’Auto di Pechino del 2020, poi divenuta la Zeekr 001.

La vettura potrebbe essere lanciata a metà del 2024, con un prezzo tra 200.000 e 300.000 yuan, cioè tra i 25.000 e i 38.000 €.

Lynk & Co Zero e il legame con Zeekr

Il nome non è l’unica cosa che lega la Lynk & Co Zero a Zeekr. L’auto sarà infatti basata sulla stessa architettura a 800 Volt e condividerà anche le dimensioni con la 001, presentandosi come una grande berlina lunga oltre 5 metri, larga 2 e con un passo di 3. Le foto, inoltre, denotano la forma di una berlina fastback, con un design che riprende quello della bellissima Lynk & Co 07. Anche per questo, potrebbe non essere per l’Europa, viste le dimensioni e di conseguenza il prezzo.

Lynk & Co Zero
Image: Baidu

Diverse le novità per una vettura del marchio, per esempio le ruote posteriori sterzanti e una rotazione tale da permettere all’auto di camminare di lato e quindi svoltare letteralmente su se stessa. Inoltre, Lynk & Co promette un “telaio digitale con Intelligenza Artificiale” e sospensioni elettromagnetiche CDC unite a sospensioni pneumatiche a doppia camera per una guida fluida e quasi “fluttuante”, pensata per attutire ogni tipo di ostacolo. Dalle foto spia, ancora, emerge uno spoiler posteriore attivo.

Leggi anche:  NIO sta pianificando lo spin-off della divisione batterie
Lynk & Co Zero
Image: Baidu

All’interno, tanta tecnologia che sarà mossa dal nuovo chip realizzato internamente E05, che secondo Lynk & Co è più potente anche del Qualcomm Snapdragon 8295 in termini di potenza di calcolo.  Dalle foto spia si nota uno schermo strumenti LCD incorporato lungo e un display centrale a console stretta e flottante, che dovrebbe contenere il sistema HMI Lynk Flyme Auto Meizu.

Fonte: Baidu, Lynk & Co, carnewschina.com

Robin Grant

Robin Grant aka Roberto Mazza è un blogger con la passione della scrittura. La sua carriera ha inizio come recensore automobilistico, dove ha affinato la sua capacità di analizzare veicoli in modo approfondito e appassionato. La sua straordinaria passione per i paesi nordici lo ha spinto a creare il sito www.noglen.eu, dove condivide la storia e la cultura affascinanti di queste regioni.