Home » CATL lancia la piattaforma CIIC, per elettriche da 1000 km di autonomia

CATL lancia la piattaforma CIIC, per elettriche da 1000 km di autonomia

La nuova piattaforma CIIC di CATL è pronta, e il primo veicolo debutterà nel 2024 con 1000 km di autonomia e consumi record

Il principale produttore mondiale di batterie CATL ha annunciato il completamento dei test in Cina della sua piattaforma CIIC, di tipo skateboard. Questo tipo di piattaforma è comune nella maggior parte delle vetture elettriche, e permette di ottimizzare gli spazi e abbassare il baricentro. La rivoluzione della CIIC, però, si deve al fatto che ha raggiunto un’autonomia di 1.000 km con un consumo di energia di 10,5 kWh su 100 km e ha dimostrato la capacità di ricaricare 300 km in soli 5 minuti.

Il veicolo su cui è stata testata è probabilmente una berlina compatta prodotta da Neta.

Perché la piattaforma CIIC è rivoluzionaria

CIIC è l’acronimo di CATL Integrated Intelligent Chassis, ed è una piattaforma che integra batterie, motori elettrici e altre unità critiche in un’unica struttura. Un approccio volto a ridurre i costi di produzione, il peso del veicolo e il consumo di energia, massimizzando allo stesso tempo lo spazio passeggeri.

neta x
Image: autohome.com.cn

La piattaforma è stata in test per tutto il 2023. A gennaio scorso, infatti, Hozon Auto, proprietario di Neta, ha siglato un accordo con CATL per l’utilizzo della piattaforma CIIC, e per questo il primo modello a sorgere su questa nuova architettura sarà una Neta nel terzo trimestre del 2024. Infatti, nei diversi test, la piattaforma CIIC è stata in grado di raggiungere un’autonomia di 1000 km con singola carica, segnando un’efficienza del 75% e una riduzione del 30% con temperature a -7 gradi.

Il consumo segnato è invece di 10,5 kWh su 100 km, e anche la ricarica si distingue bene: 300 km in appena 5 minuti, secondo CATL. La società ha inoltre annunciato che il CIIC integra sistemi ad alta e bassa tensione, sistemi di sterzo e frenata, e controller di dominio del telaio, utilizzando la tecnologia CTC (cell-to-chassis).

Leggi anche:  Elon Musk ha davvero così paura di BYD?

Fonte: Comunicato Stampa

Robin Grant

Robin Grant aka Roberto Mazza è un blogger con la passione della scrittura. La sua carriera ha inizio come recensore automobilistico, dove ha affinato la sua capacità di analizzare veicoli in modo approfondito e appassionato. La sua straordinaria passione per i paesi nordici lo ha spinto a creare il sito www.noglen.eu, dove condivide la storia e la cultura affascinanti di queste regioni.