Home » Nammi 01, la risposta di Dongfeng alla Fiat 500 che potremmo vedere anche in Italia
Nammi 01

Nammi 01, la risposta di Dongfeng alla Fiat 500 che potremmo vedere anche in Italia

Nammi 01 è il primo veicolo elettrico di una nuova gamma che Dongfeng Motors ha pensato esplicitamente per il mercato europeo

Sappiamo che i gruppi cinesi sono facili a creare nuovi marchi automobilistici. Così anche Dongfeng che ha appena svelato la Nammi 01, dalle caratteristiche tecnologiche ed estetiche interessanti.

Un’auto elettrica compatta che offre una buona autonomia a un prezzo molto competitivo: arriva infatti a 430 km su ciclo cinese CLTC e ha prezzi che vanno da 74.800 a 104.800 yuan, ovvero da 9.700 a 13.600 €. Dal momento che Dongfeng ha debuttato anche in Italia di recente, non è da escludere che scelga di portare il suo nuovo marchio, Nammi, anche alle nostre latitudini. Tuttavia, se Dongfeng ammette di volerla portare in Europa, qui il prezzo potrebbe salire a 26.100 €, comunque una delle elettriche al momento più economiche.

Nammi 01, moderna e vivace

La Nammi 01 rappresenta il primo modello del nuovo marchio dedicato ai veicoli elettrici più economici, per i giovani.  Si basa sulla piattaforma Dongfeng Quantum Architecture S3, ed è la stessa azienda a specificare che è stata pensata per l’Europa.

Nammi 01
Image: Dongfeng Motors

Nammi 01 è lunga 4,03 metri e larga 1,8, ma il passo di 2,6 dovuto agli sbalzi estremamente ridotti permette di starci piuttosto bene all’interno. La vettura può ospitare cinque persone ed è disponibile in una gamma di colori vivaci, tra cui giallo, bianco, blu e combinazioni di queste tonalità. È possibile aggiornare i cerchi standard da 16 pollici a quelli da 17 pollici.

A livello estetico, la un design moderno e pulito, tipico delle auto cinesi, con fari triangolari e chiuse. Ci sono elementi di design di solito presenti su auto più premium,, come ad esempio il tetto con effetto sospeso e le portiere prive di cornice. I fari tondi posteriori, invece, richiamano esplicitamente la 500, ma anche la rivale in casa ORA Cat.

Nammi 01
Image: Dongfeng Motors

Passando all’interno, la Nammi 01 offre due combinazioni di colori per l’abitacolo: nero e bianco, e nero e grigio. Il cockpit è dotato di un pannello strumenti LCD da 5 pollici, un volante multifunzione a due razze e uno schermo centrale galleggiante da 12,8 pollici. Il veicolo supporta il controllo remoto tramite smartphone e aggiornamenti OTA.

La Nammi 01 è dotata di un sistema di guida autonoma di livello 2 e di avanzati sistemi di assistenza alla guida, tra cui il monitoraggio degli angoli ciechi, il parcheggio autonomo, il parcheggio remoto e l’avviso di collisione frontale.

Nammi 01
Image: Dongfeng Motors

Tra le caratteristiche aggiuntive ci sono l’illuminazione ambientale a 32 colori, la ricarica wireless per il telefono, un cassetto estraibile sotto la scatola portaoggetti e una modalità di abbassamento dei sedili anteriori con un solo clic.

Fino a 430 km di autonomia

La Nammi 01 è dotata di un motore sincrono a magnete permanente anteriore, capace di erogare 70 kW/95 CV e 160 Nm di coppia. Questo veicolo compatto può raggiungere una velocità massima di 140 km/h, rendendolo adatto per gli spostamenti extraurbani occasionali.

Nammi 01
Image: Dongfeng Motors

Per quanto riguarda la batteria, ci sono due opzioni: 31,45 kWh e 42,3 kWh entrambe di tipo di LFP, con autonomia promessa rispettivamente di 330 km e 430 km secondo il ciclo CLTC. Il produttore afferma che la Nammi 01 può ricaricarsi dal 30% all’80% in 30 minuti utilizzando un caricatore DC. Dalle foto ufficiali, tra l’altro, si nota anche la presenza di tecnologia Vehicle-To-Grid che rende l’auto fonte di energia per altri, cosa che la rende unica nel segmento.

Robin Grant

Robin Grant aka Roberto Mazza è un blogger con la passione della scrittura. La sua carriera ha inizio come recensore automobilistico, dove ha affinato la sua capacità di analizzare veicoli in modo approfondito e appassionato. La sua straordinaria passione per i paesi nordici lo ha spinto a creare il sito www.noglen.eu, dove condivide la storia e la cultura affascinanti di queste regioni.