Home » WM Motor Weltmeister ha presentato domanda di bancarotta
WM Motor M7

WM Motor Weltmeister ha presentato domanda di bancarotta

La casa automobilistica WM Motor, che era arrivata in Italia come Weltmeister, ha presentato domanda di bancarotta in Cina, in un mercato automobilistico mondiale sempre più competitivo. Un tribunale di Shanghai sta gestendo la fase bancarotta, secondo una comunicazione datata lunedì sulla piattaforma nazionale di divulgazione delle informazioni sulla bancarotta delle imprese.

“La pianificata riorganizzazione di WM Motor introdurrà investitori strategici da tutto il mondo per realizzare la sua rinascita”, ha dichiarato l’azienda in un comunicato pubblicato sul suo account ufficiale Weibo oggi.

WM Motor W5

Secondo quanto riportato da Automotive News, il produttore automobilistico ha affermato di essersi impantanato in una situazione di stallo operativo negli ultimi anni a causa dell’impatto della pandemia, della lentezza del mercato, delle ampie oscillazioni dei prezzi delle materie prime e dei contrattempi nel reperimento del capitale necessario per le operazioni e per lo sviluppo.

Fondata nel 2015 dal rinomato veterano dell’auto Freeman Shen, WM Motor era considerata tra le emergenti startup cinesi di veicoli elettrici come Nio, Li Auto e XPeng. Tra i suoi sostenitori figuravano il gigante tecnologico cinese Baidu e l’autorità di regolamentazione dei beni di proprietà statale di Shanghai.

Le perdite annuali di WM Motor sono raddoppiate a 8,2 miliardi di yuan, ovvero più di 1 milardo di euro, nel periodo di tre anni fino al 2021, secondo il prospetto azionario pubblicato a giugno 2022 per una pianificata IPO a Hong Kong.

Weltmeister aveva presentato la W5 in occasione del MiMo a Milano, grazie al supporto dell’importatore Koelliker.

 

Fonte: Comunicato Stampa

Leggi anche:  YangWang U9, la super sportiva dal nuovo marchio di BYD

Gianluca Pezzi

Giornalista che arriva dall’esperienza decennale di Blogo dove è stato direttore per diversi anni, e dove nel settore motori ha dato slancio ad Autoblog.it e Motoblog.it, punti di riferimento del settore per un decennio. Nel 2022 inizia l'avventura con China2Move.