Home » Xpeng AeroHT svela la sua nuova auto volante

Xpeng AeroHT svela la sua nuova auto volante

Xpeng AeroHT è la divisione aerea di Xpeng, e ha appena presentato un prototipo di una vera e propria coupé volante

In occasione del 1024 Tech Day, Xpeng AeroHT ha lanciato il suo prototipo di veicolo volante elettrico, che si distingue per la sua capacità di piegare i rotori e diventare un’auto “normale”, e quindi di percorrere anche le strade pubbliche.

Xpeng AeroHT è stata fondata nel 2013 con, tra gli altri, il supporto di He Xiaopeng, CEO di Xpeng automobili. Nel 2016 ha sviluppato il suo primo veicolo volante, più simile a un drone gigante che a un’auto. Da quel momento, Xpeng AeroHT ha prodotto cinque generazioni di velivoli, mentre questa sesta si stacca proprio dal passato, con un design totalmente nuovo.

Xpeng vuole una “nuova era di mobilità”

Esteticamente il veicolo si avvicina molto a una coupé a due porte, con cofano corto che si fonde con i montanti anteriori. Le porte sono trasparenti per migliorare la visibilità durante il volo, mentre dietro si nota la “Xpeng”, le luci a LED e le enormi prese d’aria.

Ci sono anche telecamere al posto degli specchietti tradizionali, ruote coperte da carenature aerodinamiche e maniglie delle portiere invisibili, tutto per ridurre la resistenza durante il volo.

La caratteristica principale di questo prototipo è costituita dai rotori posizionati sul tetto, per un totale di otto, collegati a una struttura con cerniere visibili. Teoricamente si possono ripiegare, ma  Xpeng non ha mostrato questa funzionalità, limitandoci a immagini rendering.

Xpeng ha inoltre dichiarato che il peso previsto per il suo veicolo volante è di circa 1.000 kg, con l’obiettivo di debuttare sul mercato nel 2024 ad un prezzo di circa 1.000.000 di yuan (circa 130.000 €). Il prototipo, comunque, è molto lontano dalla versione in serie.

Fonte: Comunicato Stampa

Robin Grant

Robin Grant aka Roberto Mazza è un blogger con la passione della scrittura. La sua carriera ha inizio come recensore automobilistico, dove ha affinato la sua capacità di analizzare veicoli in modo approfondito e appassionato. La sua straordinaria passione per i paesi nordici lo ha spinto a creare il sito www.noglen.eu, dove condivide la storia e la cultura affascinanti di queste regioni.