Home » Leapmotor C10 debutta al Salone di Monaco
leapmotor c10

Leapmotor C10 debutta al Salone di Monaco

Come anticipato nelle scorse settimane, Leapmotor è pronta al debutto europeo, avvenuto al Salone di Monaco. Qui, il costruttore di Hong Kong ha portato tutti e 4 i modelli con cui intende iniziare le sue attività nel Vecchio Continente, uno dei quali una novità assoluta: Leapmotor C10.

Primo modello su architettura Leap 3.0, altra protagonista dello stand, è il primo veicolo globale e include tutto il meglio della tecnologia dell’azienda asiatica.

Leapmotor C10 inaugura “l’era globale”

Come sottolineato dal CEO Zhu Jiangming, l’attivo di Leapmotor C10 apre a un periodo in cui “tutti  i futuri prodotti di Leapmotor saranno progettati e sviluppati con una prospettiva globale e conformi agli standard globali. Nei prossimi 2 anni, Leapmotor introdurrà 5 prodotti orientati globalmente in Europa, Asia-Pacifico, Medio Oriente, Americhe e altre regioni, offrendo esperienze di mobilità intelligenti ai consumatori automobilistici di tutto il mondo.

Insomma, gli obiettivi sono molto ambiziosi, con una strategia meno “timida” rispetto ad altri costruttori cinesi. Il nuovo SUV riprende il design delle altre vetture, con qualche novità. I fari anteriori hanno per esempio una nuova trama a LED, ma quello che spicca sicuramente è il sensore Lidar in cima al parabrezza, camuffato da presa d’aria come visto su altri modelli.

Come tutte le vetture Leapmotor, anche C10 punta ad essere molto intelligente. Gode di tecnologia CTC 2.0 (Cell-to-Chassis), nuovo sistema di guida elettrica a raffreddamento ad olio, nonché cockpit intelligente con chip Qualcomm Snapdragon 8295 e sistema di guida avanzato.  CTC 2.0 elimina i moduli e incorpora nuove funzionalità di sicurezza, integrando un sistema di gestione della batteria con integrazione al telaio che promette più autonomia e maggiore sicurezza. Per questo supporta potenze tra 170 e 250 kW, un’efficienza completa del 92 % e un peso di appena 76 kg, che significa una soluzione ultracompatta ma molto potente.

Leggi anche:  Aiways U6, suv coupé elettrico giovanile in Italia a 49.900 €

La nuova Leap 3.0 platform

Cuore pulsante è la piattaforma Leap 3.0, che sfrutta un supercomputing centrale che integra  senza soluzione di continuità il dominio del cockpit, il dominio del pilota, il dominio di potenza e il dominio del corpo del veicolo, realizzando la convergenza pionieristica di questi quattro domini dell’industria. Inoltre, consente aggiornament OTA  per cinque anni. Con oltre 500 interfacce riservate, assicura a Leapmotor di offrire un’esperienza di guida in continua evoluzione e personalizzata.

Oltre al chip Qualcomm, c’è un nuovo sistema operativo Leap OS che si adatta a diversi scenari di guida. La vettura è dotata poi di 30 componenti hardware ad alte prestazioni, tra cui il citato Lidar e la telecamera HD da 8 milioni di pixel, e il SoC Nvidia Drive Orin con 254 Tops di potenza di calcolo per capacità di guida smart più sicure.

Leapmotor T03 e gli altri

Leapmotor T03 è l’altro cavallo di battaglia di Leapmotor in Europa. Già presente in Francia da aprile 2023 e in Israele da fine 2022, si tratta di un’auto elettrica ultra compatta che ha molto da offrire nel mercato di riferimento.

Il design è quello tipico delle k-car asiatiche, ma non rinuncia comunque a qualche elemento di ricercatezza, soprattutto negli interni che sembrano essere molto curati. Non rinuncia nemmeno alla tecnologia, con un sistema di guida autonoma di livello 2, tre camere esterne e 12 radar e due schermi, di cui il principale touch da 10,1 pollici.

La vettura ha un motore da 75 CV e batteria da 36,5 kWh che promette 405 km di autonomia. Il prezzo dovrebbe attenersi sotto ai 30.000 € rendendola appetibile quindi per mercati come quello francese, appunto, ma anche spagnolo e italiano.

Fonte: Comunicato Stampa

Robin Grant

Robin Grant aka Roberto Mazza è un blogger con la passione della scrittura. La sua carriera ha inizio come recensore automobilistico, dove ha affinato la sua capacità di analizzare veicoli in modo approfondito e appassionato. La sua straordinaria passione per i paesi nordici lo ha spinto a creare il sito www.noglen.eu, dove condivide la storia e la cultura affascinanti di queste regioni.