Home » Battery Swapping Nio: come funziona e quanto costa

Battery Swapping Nio: come funziona e quanto costa

I costi e il procedimento del Battery Swapping Nio, che permette in 5 minuti di sostituire una batteria scarica con una carica

Il Battery Swapping di Nio è ciò per cui il marchio cinese è famoso nel mondo, e ciò per cui ha avuto successo insieme al design e alla qualità generale dei suoi prodotti. Questo perché ovvia al problema dei tempi di ricarica, permettendo di effettuare soste di appena cinque minuti.

Da quando il costruttore è arrivato in Europa, nel 2021 in Norvegia e nel 2022 anche in Danimarca, Svezia, Germania e Paesi Bassi, nel Vecchio Continente ha aperto 30 Power Swap Station, ovvero 30 stazioni dove poter effettuare lo scambio degli accumulatori. La maggior parte di loro sono in Scandinvia, visto che al momento il baricentro del marchio è a quelle latitudini, ma le previsioni sono di aprirne in tutta Europa.

Battery Swapping Nio: quanto costa?

L’operazione in sé non ha un costo “esterno” alla vettura, come può essere la ricarica elettrica o il rifornimento di benzina o diesel. Questo perché si può accedere al Battery Swapping Nio non comprando l’auto completa, ma separando la batteria dalla vettura. Il concetto è Battery As A Service, con l’accumulatore che non è più parte dell’auto, ma diventa uno dei servizi ad essa legati, un po’ come faceva Renault una decina d’anni fa.

Battery Swapping Nio
Image: china2move

Si può quindi acquistare l’auto e noleggiare la batteria, con prezzi differenti in base alla capacità. O si può anche abbonarsi a tutta l’auto tramite Nio Subscription: similmente ad altri marchi, è un “abbonamento alla mobilità” che include l’auto e tutti i suoi servizi. Per una Nio ET5, in Germania la batteria costa 169 €/mese con taglio da 75 kWh e 289 €/mese con taglio da 100 kWh. L’abbonamento Nio Subscription per la stessa vettura va da 998 a 1.066 €/mese.

Come funziona il Battery Swapping di Nio

Dato che si tratta di batterie di dimensioni considerevoli, fino a oltre 100 kWh a seconda dei modelli, è ovvio che l’operazione non possa essere eseguita a casa propria. Per questo, come detto, richiede di recarsi presso le stazioni Nio Power Swap, dove avviene lo scambio di batterie.

Queste stazioni sono relativamente compatte e completamente automatizzate. La prenotazione avviene attraverso il display touch all’interno dell’auto, il quale consente di ordinare una nuova batteria. Il sistema fornisce anche informazioni sul numero massimo di batterie che possono essere stoccate in una determinata stazione, e imposta direttamente il navigatore verso la Power Swap Station.

Battery Swapping Nio
Image: china2move

Una volta giunti alla stazione, la troveremo già aperta e il sistema ci indicherà la “coda”, ovvero quanti altri automobilisti hanno prenotato la stessa stazione nello stesso periodo o poco prima di noi.

L’auto deve essere posizionata fuori dalla stazione con il muso rivolto nella direzione opposta all’ingresso, come mostrano i disegni sull’asfalto. Successivamente, tramite il touchscreen, cliccheremo su “Swap” e l’auto si sposterà autonomamente all’interno della Power Swap, senza la necessità del nostro intervento.

L’assistente vocale di Nio, Nomi, ci guiderà attraverso tutti i passaggi. Una volta completato il controllo, la stazione inizierà l’estrazione della batteria scarica e l’inserimento di una nuova, generalmente carica al di sopra del 90%. Durante questo processo, l’auto si spegnerà completamente.

L’uscita dalla Power Swap richiederà il nostro intervento, simile all’esperienza di uscita da un autolavaggio, e una volta usciti la stazione si chiuderà completamente. Tutto il processo è molto probabilmente più lungo da leggere che da fare, perché richiede non più di 5 minuti.

Robin Grant

Robin Grant aka Roberto Mazza è un blogger con la passione della scrittura. La sua carriera ha inizio come recensore automobilistico, dove ha affinato la sua capacità di analizzare veicoli in modo approfondito e appassionato. La sua straordinaria passione per i paesi nordici lo ha spinto a creare il sito www.noglen.eu, dove condivide la storia e la cultura affascinanti di queste regioni.